Monday 23 October 2017
Chi Siamo
Tuesday 14 November 2006

 gruppo felpe.jpg

La nostra è una Scuola dalla decennale esperienza, rappresentante, nonché erede dell'Academia Gracie, esistente dal lontano 1925, fondata da Helio Gracie, padre del nostro maestro, Robin Gracie.

Assieme alle Sezioni Gracie Genova e Bergamo, le nostre sono le uniche Accademie presenti in Italia, in rappresentanza ufficiale della famiglia del Maestro Helio Gracie, autorizzate dal figlio, il Maestro Robin Gracie.

La nostra sede principale è a Bolzano presso il Palasport di Via Resia, dove da anni vengono forgiati e allenati lottatori adulti, mentre da qualche anno in Via Trieste, PalaMazzali, si svolge il corso bimbi. Gli Insegnanti sono il Maestro Alessandro Federico (più volte oro e argento mondiale  veteran di Grappling dal 2009 al 2013, titolare della nazionale Veteran e Senior 71 kg 2014 per i mondiali di Grappling in Russia), gli Istruttori Alfredo Di Giovanni, Simon Nogler, Robert Perger, Fabio Corradini, l'atleta ex titolare della Nazionale di Grappling Julia Klammsteiner e la cintura viola Daniela Rima.

La seconda sede dove si tiene un altro corso bimbi è quella dello Sportverein di San Genesio, nella quale l'ora dopo, integrano gli allenamenti bolzanini gli atleti adulti e adolescenti del club. Qui gli insegnanti sono Alessandro Federico e Robert Perger. La sede di San Genesio costituisce anche la Headquarters della Scuola Gracie Bolzano, dove gli insegnanti si allenano sotto la guida di Alessandro Federico.

L'Academia Gracie di Bolzano, si è ora espansa, divulgando l'Arte Suave, anche sul resto del territorio altoatesino e non solo. Attualmente sono attive a pieno regime altre filiali:

a Laives con gli istruttori Marius Trenkwalder e Enrico Colatuzzo, a Merano con istruttori Patrick Benetti e Daniel Vesco, a Vadena con Marco Sartor e Maurizio Parisi, a Bronzolo con Marco Buraschi e Werner Schiller, a Trento con Marco Manara, a Udine con Ivan Gazzoli, a Latisana con Alessandro Peresan, a Piacenza con Filippo Fontana, Emanuele Baldanti e Antonella Busca.

L'arte marziale praticata, il Gracie Jiu Jitsu, è basata sostanzialmente sulla lotta corpo a corpo, come sistema di difesa personale eccellente sia in tema di autodifesa da strada che in luogo chiuso. La stessa disciplina, così come viene allenata presso l'Academia Gracie, trova un ottimo sbocco nella sua versione sportivo - agonistica, ossia il Brazilian Jiu Jitsu e il Grappling, discipline che si basano su un sistema di lotta costituito da  proiezioni, leve articolari e strangolamenti e punteggi, diversi in base al tipo di gara e classe di età.

Numerosi Insegnanti e praticanti della nostra Scuola, sono dirigenti, ispettori e agenti di varie forze di polizia ed esercito, fra cui alcuni tra i più "operativi" sulla scena del crimine del Nord Italia; uno tra questi è proprio il capo scuola Alessandro Federico.

L'esperienza trentennale  nel campo delle arti marziali e discipline da combattimento influenzata nella sua ricerca volta all'efficacia pura in termini di confronto reale, non certo da aggressioni da parte del bulletto di scuola, ma spesso degenerata in collutazione con delinquenti di prim'ordine, a volte anche assassini o rapinatori, ha portato Alessandro Federico, prima alla pratica assidua e poi all'insegnamento e fondazione di una scuola di Brazilian Jiu Jitsu.

L'esperienza di Alessandro e dei suoi insegnanti, spazia oltre che sullo specifico tecnico - di Gracie Jiu Jitsu, anche nella preparazione più complessa di Educazione Fisica, avvalendosi di consulenza tecnica di insegnanti di Scienze Motorie, in particolare per la gestione degli allenamenti degli atleti ancora in crescita e di disabili.

In tema di difesa personale c'è da sottolineare quale sia l' evidente esperienza realistica degli insegnanti dell'Academia Gracie Jiu Jitsu Bolzano, i quali, unitamente a quanto di materialmente applicabile in situazioni di combattimento, conoscono quale sia soprattutto la realtà legale e sociale circostante al fenomeno. In sintesi, è possibile, frequentando la "famiglia" comprendere, all'esigenza, quali siano i meandri più inesplorati della materia, quali:

  • il prima, ossia come comportarsi per evitare che una cosa succeda o trascenda; soprattutto con aspetti legali e procedurali del contesto.
  • durante: autodifesa - difesa personale puramente essenziale, con cognizione precisa dei propri limiti fisici - tecnici e mentali.
  • dopo: come comportarsi dopo che il fatto è accaduto.
  • continuato: caso tipico delle situazioni soggette a "Stalking"; di cui il Dott. Alessandro Federico è personalmente esperto per studi specifici universitari svolti e professionista nel campo.

 La nostra Scuola è di fatto una Associazione Sportiva Dilettantistica, che è strutturata sulla base di uno statuto ed è sostanzialmente auto gestita.

Non abbiamo fini di lucro, bensì quello dell'evoluzione del livello tecnico della pratica del Jiu Jitsu e cose affini quali l'accrescimento e acculturamento delle persone associate alla scuola, in particolare, con un sano sviluppo di un'attività disciplinare, addestrativa e agonistica per i bambini; più sportivo - amatoriale e anche agonistica per gli adulti, nella tutela della propria salute e benessere innanzitutto.

Molte famiglie del nostro club, sono partecipi in toto ai corsi, con mamma papà e figli.

Con il denaro guadagnato dall'ingresso delle quote associative, le spese sono di norma distribuite sugli affitti delle strutture utilizzate, il pagamento spese dei docenti esterni, che spesso sono convocati dall'estero, come Robin Gracie o altri , i viaggi per stage tecnici e gare agonistiche, e non ultimi i materiali come capi d'abbigliamento, zainetti, berretti, riportanti i loghi della Accademia, e quant'altro, di cui possono fruire con orgoglio tutti i nostri atleti.

I bambini, fiore all'occhiello della nostra Scuola, ricevono inoltre, ogni SS.Natale un regalo in più, ogni volta diverso.

max strangola ratinho.jpg

La nostra Scuola vede finalmente presenti fra le file degli atleti agonisti adulti, anche degli "ex bambini", come la medaglia di Bronzo Mondiale 2010 di Grappling, la nazionale Julia Klammsteiner (24), il bronzo Italiano di Grappling 2011 Michael Costantino (17) e l'oro al campionato Italiano esordienti di Grappling 2011 Diego Federico (14).

per informazioni:

 

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo